Quale corso di formazione seguire per entrare nel mondo del lavoro IT? Alla scoperta del Corso VMware

Coloro che amano i computer, le nuove tecnologie e tutto ciò che ruota attorno al mondo IT, vorrebbero ovviamente poter trasformare questo loro amore, questa loro passione, in un lavoro a tutti gli effetti. Sì, perché portando avanti un’attività con piacere e con passione, è possibile non sentire mai il peso delle ore di lavoro e vivere ogni giorno con un immenso sorriso sulle labbra. Non solo, è anche importante ricordare che questa è una scelta più che azzeccata in quanto il mondo IT non è mai saturo: sempre in continuo movimento e in continua trasformazione, ha bisogno di nuove figure professionali debitamente formate, un mondo quello IT insomma che di opportunità lavorative ne offre davvero innumerevoli e che non conosce crisi.

Ma quale corso di formazione seguire per entrare nel mondo del lavoro IT a testa alta? Dobbiamo ammettere che sono numerosi i corsi di formazione che varrebbe la pena di intraprendere, ma quello che a nostro avviso è in assoluto il più adatto per i tempi che corrono è un Corso VMware che permette di diventare esperti di virtualizzazione. La virtualizzazione è un processo di cui infatti le aziende di oggi, di qualunque dimensione esse siano e qualunque sia il loro settore operativo, hanno un estremo bisogno, l’unico processo che consente loro di ridurre i costi e allo stesso tempo di migliorare in modo netto le loro performance, diventando molto concorrenziali sul mercato e avendo modo quindi di crescere senza difficoltà.

Sono molte le tipologie di virtualizzazione, tra cui:

  • Virtualizzazione del server. Grazie a questa tipologia di virtualizzazione si ha la possibilità di eseguire innumerevoli sistemi operativi su un unico server fisico. I vantaggi di questo processo sono una maggiore efficienza del server e dei singoli sistemi, velocità di esecuzione anche nel caso di carichi di lavoro particolarmente ingenti, riduzione dei costi, applicazioni che risultano sempre più performanti, server con maggiore disponibilità e da cui si elimina ogni complessità.
  • Virtualizzazione della rete. La riproduzione di una rete fisica in modalità virtuale consente di eseguire le applicazioni in modo performante. Essendo indipendenti dall’hardware è possibile anche ottenere una maggiore sicurezza.
  • Virtualizzazione del desktop. Grazie a questa tipologia di virtualizzazione si ottiene una più semplice gestione del proprio lavoro e si rende possibile una più semplice implementazione nelle filiali. Anche il lavoro per tutti i dipendenti delocalizzati o che operano da remoto magari utilizzando device mobile nonché per i collaboratori in modalità outsourcing risulta nettamente più semplice.

È bene scegliere un corso di formazione che consente di specializzarsi in una sola di queste tipologia di virtualizzazione oppure un corso che offre la possibilità di diventare esperti di ogni possibile virtualizzazione? Ovviamente è sempre meglio optare per un corso completo, che consente di diventare una figura professionale a tutto tondo, formata per garantire ogni virtualizzazione di cui le aziende possono avere bisogno, adatta ad entrare immediatamente nel mondo del lavoro. Ovviamente però il corso di formazione da solo non basta, deve trattarsi di un corso che consente l’accesso al test per il conseguimento del certificato delle competenze valido a livello europeo, che in questo caso prende il nome di Certificazione VMware Certified Professional vSphere Data Center Virtualization VCP-DCV 2019. Solo con questo certificato inserito nel proprio curriculum vitae è possibile infatti dare valore alle proprie competenze e fare in modo che il proprio profilo sia riconoscibile nella massa di profili che ogni giorno le aziende devono passare al vaglio.

È molto importante ricordare che per poter mettere in atto anche solo una tra le virtualizzazione che abbiamo sopra elencato, la teoria non è affatto sufficiente. Un buon corso di formazione quindi non dovrebbe mai essere meramente teorico, ma anche pratico, con laboratori che consentono di fare esperienze diretta di tutto ciò che un esperto di virtualizzazione deve fare durante la sua attività in un’azienda. I laboratori pratici dovrebbero sempre essere disponibili da remoto, ogni giorno inoltre e 24 ore su 24. In questo modo chi vuole ottenere una formazione invidiabile ha la possibilità di esercitarsi in ogni momento della giornata e ogni volta che ne sente la voglia o il desiderio, arrivando a diventare esperto in poco tempo, arrivando a diventare davvero la figura professionale che le aziende di oggi cercano e di cui hanno bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *