I cambiamenti nella certificazione Cisco e i migliori corsi disponibili

Si sta verificando un rapido cambiamento tecnologico, che porterà alla nascita di nuove figure professionali. Ovviamente sarà importante che queste figure professionali siano in possesso di competenze ben precise, per riuscire a soddisfare le rinnovate esigenze odierne. Per riuscire in questa impresa, è ovviamente necessario che tutti coloro che lavorano nel settore IT abbiano la possibilità di aggiornare le competenze di cui già sono in possesso al meglio e assumere competenze nuove sulle loro spalle. Secondo Cisco con il classico sistema di certificazioni in vige sino ad oggi, non sarebbe stato possibile ottenere un aggiornamento del competenze davvero ad hoc. Ecco perché ha deciso di apportare alcuni piccoli, ma fondamentali cambiamenti. 

Ovviamente è necessario per voi che già lavorate nel settore e che desiderate fare carriera, andare alla ricerca di un corso che vi offra l’opportunità di seguire i nuovi dettami che Cisco ha deciso di far scendere in campo. Tra questi, il Corso CCNP Enterprise di Vega Training è senza alcun dubbio tra i migliori. 

Cisco e i cambiamento nelle certificazioni 

Cisco ha deciso di modificare le sue certificazioni, in modo da garantire una maggiore semplicità nell’aggiornamento delle competenze e una maggiore flessibilità. Per poter ottenere infatti la certificazione CCNP, non è più necessario avere la certificazione CCNA come prerequisito. Lo stesso vale per la certificazione CCIE, per la quale non è più necessario avere come prerequisito la certificazione CCNP. 

Non solo, fino a poco tempo fa per i vari esami necessari per ottenere una certificazione non portavano al corsista alcun riconoscimento. Oggi invece non è più così. Per ogni esame è previsto un riconoscimento ben preciso, così che le proprie competenze possano essere riconosciute al meglio. Il bello poi è che Cisco permetterà ai corsisti di scegliere tra una vasta gamma di esami quelli che meglio degli altri si adattano alle loro specifiche esigenze e al loro ruolo. In questo modo è possibile garantire ad ogni corsista la possibilità di diventare davvero la figura professionale che vuole essere. 

Oltre alle modifiche apportate al sistema di certificazioni, Cisco ha di introdurre anche la certificazione DevNet, che prevede anche in questo caso vari livelli, DevNet Associate e DevNet Professional. Si tratta della certificazione ideale per coloro che operano nell’automazione del software, un ramo questo in sempre continua espansione. 

Il Corso CCNP Enterprise

Vega Training è in prima linea sulla nuova proposta formativa Cisco. Grazie al Corso CCNP Enterprise è possibile prepararsi al meglio per i ruoli che prevedono l’utilizzo delle più moderne tecnologie di enterprise networking, con elementi infatti di automazione e programmabilità. 

La nuova versione del corso permette di convalidare le proprie conoscenza tramite l’esame Core Implementing and Operating Cisco Enterprise Network Core Technologies. È inoltre necessario poi superare un concentration exams, a scelta tra una lunga lista, in modo da garantire al corsista libertà, flessibilità, possibilità di trasformarsi davvero nella figura professionale che gli è più consona. I corsi tra cui è possibile scegliere sono: Implementing Cisco Enterprise Advanced Routing and Services, Implementing Cisco SD-WAN Solutions, Designing Cisco Enterprise Networks, Designing Cisco Enterprise Wireless Networks, Implementing Cisco Enterprise Wireless Networks, Implementing Automation for Cisco Enterprise Solutions.

Ricordiamo che Vega Training permette varie tipologie di fruizione dei corsi, per poter anche in questo caso garantire flessibilità e libertà a tutti i corsisti. È infatti possibile seguire le lezioni in aula, seguire le lezioni a distanza tramite un sistema di video presenza in tempo reale, studiare in modalità autoapprendimento. Per ogni tipo di fruizione dei corsi, Vega Training mette a disposizione dei corsisti attrezzature e sistemi reali Cisco, sia fisicamente che in modalità remota 24 ore su 24. 

Scegliere la giusta stampante per il proprio ufficio

Anche nell’era digitale si continua ad usare regolarmente le stampanti per realizzare su carta tanti progetti importanti: vediamo come scegliere correttamente una periferica ideale ai propri bisogni.

La stampante: ponte tra il mondo digitale e cartaceo

Nonostante la digitalizzazione in corso abbia rivoluzionato notevolmente le abitudini lavorative – ma non solo quelle – di milioni di persone, la stampante continua ad essere una periferica particolarmente ricercata e rientra indubbiamente tra quegli strumenti elettronici per l’ufficio che non mancano mai in azienda, giacché permette di disporre di un ponte tra due mondi. In effetti, per quanto l’invio delle e-mail o la condivisione dei documenti in formato digitale su servizi cloud siano standard di lavoro in tantissime realtà professionali, in tanti ambiti vi è ancora la necessità di trasporre su carta dei documenti o dei progetti importanti, per tante ragioni differenti. Non sono del resto poche le società nelle quali, nonostante l’avvento del digitale, si continua ad organizzare riunioni ed incontri di lavoro durante i quali si discute di progetti, obiettivi o strategie con fascicoli cartacei, proprio perché gli stessi permettono di affrontare queste importanti questioni con un maggior coinvolgimento personale. La stampante, quindi, per quanto sia stata minacciata di diventare una periferica del passato, soppiantata apparentemente dall’avanzata di applicazioni in grado di consentire una condivisione immediata di informazioni, continua ad avere il suo ruolo all’interno di milioni di aziende, fungendo da vero e proprio ponte tra la dimensione digitale e quella tangibile del cartaceo. Ecco perché è importante saper scegliere correttamente l’apparecchio che si andrà ad usare tutti i giorni in azienda: e a questo proposito, ci soffermeremo a dare uno sguardo ai pregi e ai difetti delle due tipologie più comuni di stampante nel prossimo paragrafo.

Scegliere una stampante a getto d’inchiostro o laser?

Il principale dilemma che affligge milioni di utenti, siano essi di tipo aziendale o privato, è sempre lo stesso: tra una stampante inkjet ed una laser, quale delle due dovrei scegliere per ottenere le migliori prestazioni in fase di stampa? Oppure, quale delle due macchine mi consente davvero di ottimizzare il rapporto tra il costo e la qualità della mia attività di stampa di tutti i giorni? Una risposta univoca a questo tipo di quesito non esiste, proprio perché bisogna valutare prima di tutto quale sia la vostra idea di uso della stampante: ad esempio, se ricercaste una macchina veloce, probabilmente dovreste preferire una periferica di stampa laser. Quest’ultima, infatti, vi permette di ottenere un valore migliore in termini di pagine stampate al minuto, un aspetto che può essere indubbiamente molto importante in ambito business, dove è necessario ridurre i tempi di elaborazione e produzione dei documenti, magari anche sacrificando un po’ la qualità di stampa. Al contrario, laddove la resa cromatica e la fedeltà nella riproduzione dei più piccoli dettagli grafici fossero due necessità imprescindibili, allora, la vostra scelta dovrebbe ricadere sicuramente su una periferica di stampa inkjet, giacché le macchine a getto d’inchiostro sono da questo punto di vista superiori. Se voleste invece ottimizzare in maniera sensibile il costo per pagina stampata, pianificando la sostituzione dei consumabili con maggior precisione, potreste optare pure in questo caso per la stampante laser, giacché il toner ha una durata nettamente superiore rispetto alle comuni cartucce d’inchiostro. Se doveste realizzare regolarmente delle stampe fotografiche, invece, l’acquisto di una stampante a getto d’inchiostro potrebbe consentirvi di ottenere risultati dallo standard qualitativo decisamente superiore.

I motivi per preferire una stampante multifunzione

Dopo aver stabilito quale sia la miglior tipologia di stampante per il vostro ufficio tra quelle inkjet o laser, dovreste anche riflettere circa l’opportunità di comprare una stampante multifunzione, una cioè che funga da scanner e da centro multimediale: una macchina di questo tipo, infatti, vi permetterebbe di gestire la realizzazione di foto, digitalizzazione e condivisione di documenti da stampare in modo più semplice e veloce. A questo proposito, una periferica di stampa in grado di supportare l’interazione con dispositivi mobili – quali smartphone o tablet – è indubbiamente la risposta più mirata a quelle che sono le esigenze odierne di tantissime realtà aziendali.

Come scegliere al meglio la stampante

Il mondo della tecnologia ha ormai fatto passi da gigante. Ci ritroviamo un poco tutti, anche a casa, con PC, casse, scanner e l’immancabile stampante. Ma come possiamo scegliere quella che fa al caso nostro? In primis possiamo spulciare una guida stampanti anche perché considerando tutti i dispositivi oggi disponibili sul mercato, quello di acquisto potrebbe essere un processo a dir poco scoraggiante.

Come stabilire quale stampante è giusta per le proprie esigenze

Un primissimo punto da considerare per stabilire se la stampante scelta sia quella giusta per noi è comprendere che tipo di lavoro dovrà andare a svolgere (in base alle nostre esigenze).

  • La stampante domestica

Se abbiamo bisogno di un apparecchio per uso domestico, allora ci serve un dispositivo progettato per la stampa a basso volume. Si tratta di stampanti molto versatili che sanno gestire documenti e immagini a colori

Le stampanti a getto d’inchiostro sono state le prime a riempire le case quando la mania del PC fisso con accessori ha preso ad impazzare. Tuttavia oggi l’economia, la durata e il miglioramento delle prestazioni non le rende molto adatte. Per cui in molti optano per le stampanti laser, che garantiscono qualità e risparmio.

  • La stampante da ufficio

Anche quando si parla di stampante per l’ufficio la scelta ricade sempre sul laser. Le stampanti laser possono stampare grandi volumi di testo (e a lungo termine) il che le rende ideali per gli uffici. Ovviamente serve un tipo di stampante professionale, magari multifunzione che mette a disposizione funzionalità di scansione, copia e fax. Le stampanti laser a colori sono perfette se capita di avere le esigenze di stampare file colorati in aggiunta alle esigenze di stampa di documenti ad alto volume dell’ufficio.

Stampa creativa

Un discorso a sé stante vale per le stampanti a getto d’inchiostro ideale per stampe di immagini colorate. Se dunque l’esigenza si fonda su questa tipologia di dispositivo, il consiglio è di non selezionare stampanti economiche, altrimenti il rendimento rischia di non essere di qualità.

La maggior parte delle stampanti a getto d’inchiostro a basso costo consuma molto più del previsto, per non parlare delle loro cartucce che solitamente hanno al loro interno una quantità di inchiostro molto più bassa rispetto ai modelli più costosi. Affinché si possano ottenere stampe a colori di alta qualità, si suggerisce l’acquisto di apparecchi a getto d’inchiostro con non meno di 6 vasi d’inchiostro. Epson e Canon sono tra i brand più convenienti in tal senso.

Quali i benefici di un cloud server e del suo utilizzo

Un server cloud è un server che non ha nulla a che vedere con il funzionamento del classico server fisico. Mette a disposizione dell’utente una gamma di servizi convenienti, facili ed intuitivi, ma non si basano su un macchinario fisico quanto piuttosto sulla virtualità.

I server cloud funzionano di solito servendosi di un provider, tra i più comuni online. I server cloud vengono detti spesso anche con l’appellativo di server virtuali, server cloud virtuali, server dedicati virtuali, server privati ​​virtuali o server basati su cloud, a seconda della modalità di configurazione.

Perché usare i server cloud?

Ultimamente si parla di innovazione, una innovazione raggiunta proprio grazie a questi server, che sono stati in grado di risolvere la maggior parte dei problemi di coloro che hanno bisogno di questa tecnologia. Il servizio cloud si configura dunque:

  • Affidabile in ogni suo aspetto
  • Scalabile
  • Flessibile
  • Sicuro

Come può aiutare l’utilizzo di un cloud server

Non bisogna poi tralasciare il fatto che siamo davanti ad un servizio che non consta di parti artefatte e complesse da usare. Anzi, forse uno dei vantaggi risiede proprio nella sua facilità d’uso ad ampio spettro. Esso infatti, tende a rendere più semplice il funzionamento dei siti, sulla base di server virtuali a cui si ha accesso attraverso un comodo pannello di controllo intuitivo e potente in ogni suo aspetto.

Viene da sé che un server di questo tipo non fa altro che appoggiarsi alle più importanti piattaforme cloud open source leader nel mondo, grazie alle continue richieste nel settore delle aziende che per facilitare il funzionamento interno delle loro attività decidono di affidarsi a questa funzionalità. Non a caso, le aziende di tutte le dimensioni sono ormai ben salde ai servizi server cloud per una gestione imprenditoriale interna, che sappia essere efficiente, efficace e prestante.

C’è inoltre da dire che i server cloud sono di norma supportati da competenze e servizi sempre attivi. Il che significa che a lavorare a favore di chi utilizza il servizio ci sono migliaia di ingegneri cloud ed esperti pronti ad aiutarti quando ne hai bisogno.

Una soluzione Cloud Server è la soluzione giusta?

Ecco dunque che grazie ai numerosi vantaggi, i cloud server rappresentano spesso e volentieri l’opzione migliore. Le organizzazioni in genere sono sempre state costrette ad interfacciarsi ai server fisici nel momento in cui serviva un a protezione che potesse rendere i loro dati sicuri e conformi.

Oggi invece sanno che questo servizio virtuale è molto prestante. I carichi di lavoro ad alta intensità di dati sono spesso meglio serviti da queste soluzioni, nonostante qualcuno abbia ancora qualche dubbio a riguardo.

Huawei 5G è boom in Europa

Huawei, il più grande fornitore mondiale di apparecchiature per le telecomunicazioni, ha dichiarato che più della metà dei contratti firmati finora per la fornitura di apparecchiature 5G di prossima generazione sono con operatori europei. Buone notizie dunque per chi intende sviluppare un software Magento api utilizzando la connessione 5G

Huawei ha assicurato 50 contratti commerciali 5G a livello globale, di cui 28 firmati in Europa, Chen Lifang, presidente del dipartimento per gli affari pubblici e le comunicazioni dei giganti delle telecomunicazioni, ha dichiarato giovedì a Bruxelles.

È successo per la società asiatica

La società con sede a Shenzhen, che guida le vendite globali di apparecchiature 5G, non ha rivelato i nomi dei suoi partner. I principali concorrenti di Huawei nello sviluppo della rete, la finlandese Nokia e la svedese Ericsson, hanno ottenuto 43 contratti e 22 contratti a partire dalla fine di giugno, rispettivamente. Il rivale crosstown di Huawei, ZTE, ha annunciato pubblicamente 25 accordi commerciali.

Huawei ha guadagnato 204,5 miliardi di yuan (29,8 miliardi di dollari) dall’Europa, dal Medio Oriente e dall’Africa – la sua più grande regione del mercato estero – nel 2018, secondo il suo rapporto annuale. Questo ha rappresentato circa il 28,4 per cento delle entrate totali e più del contributo congiunto di Americhe e Asia-Pacifico, escluse le regioni della Cina. Sul chi va là per il successo dunque anche i Magento developer.

L’Europa, che ha generalmente resistito alla pressione degli Stati Uniti per chiudere Huawei, è un mercato importante che la compagnia non poteva permettersi di perdere dopo una serie di divieti in Nord America e Oceania.

Huawei segue da vicino il quadro 5G dell’UE e sostiene pienamente questo quadro“, ha detto Chen alla tavola rotonda di Bruxelles giovedì, secondo la trascrizione dell’account Twitter ufficiale di Huawei UE.

Serve un meccanismo di gestione della sicurezza

Huawei non ha un meccanismo di gestione del rischio o di cibersicurezza con il governo cinese, ma solo con governi in Germania, Gran Bretagna e Canada, ha aggiunto, secondo il post di Twitter.

In Gran Bretagna, Huawei sta aiutando a sviluppare reti 5G per tutti e quattro i principali operatori di telefonia mobile del paese, anche se il governo deve ancora confermare se la società tecnologica cinese sarà autorizzata a costruire infrastrutture wireless 5G, secondo un rapporto pubblicato questo mese.

In seguito all’istituzione del laboratorio britannico, Huawei ha aperto a marzo il suo secondo laboratorio europeo per la sicurezza informatica a Bruxelles, in quanto la società cerca di placare le preoccupazioni dei governi locali e reagire alle accuse statunitensi secondo cui le sue apparecchiature rappresentano un rischio per la sicurezza nazionale.